skip to Main Content
Inverter Connessi Alla Rete: Come Funzionano E Quali Scegliere

Inverter connessi alla rete: come funzionano e quali scegliere

Il compito principale degli inverter connessi alla rete è quello di convertire la corrente, ma non è tutto qui

Se quando si parla di impianti fotovoltaici si pensa sempre prima di tutto ai pannelli solari, va sottolineato che ci sono tanti altri componenti fondamentali, come per esempio gli inverter connessi alla rete.

La loro crucialità sta nel fatto che sono proprio questi elementi che permettono ai pannelli fotovoltaici di passare l’energia prodotta alla rete, di modo che questa possa sfruttarla a dovere.

Va infatti sottolineato che i generatori fotovoltaici producono corrente elettrica continua, ma i nostri elettrodomestici, invece, funzionano a corrente alternata.

Da qui, dunque, l’importanza degli inverter connessi alla rete, che trasformano la corrente continua prodotta dai moduli fotovoltaici nella corrente alternata a tensione 220 Volt, così da renderla perfetta per l’autoconsumo e per l’immissione in rete.

Le funzioni degli inverter connessi alla rete

Sarebbe però sbagliato nonché riduttivo affermare che gli inverter connessi alla rete si occupano unicamente di convertire la corrente continua ad alternata; questi stessi dispositivi si occupano anche dell’adattamento della tensione in uscita, adattandola a quella della rete elettrica.

Grazie agli inverter connessi alla rete, dunque, la corrente immessa per mezzo dei pannelli fotovoltaici assume la forma tipica della onda sinusoidale e viene sincronizzata con la frequenza della rete di arrivo. Oltre a questo, va sottolineato che l’inverter è progettato per staccarsi dalla rete non appena questa viene a mancare, fosse anche per un periodo di tempo limitato.

Riassumendo dunque le funzioni degli inverter connessi alla rete possiamo dunque dire che questi dispositivi regolano sia la frequenza che la tensione dell’energia prodotta dai pannelli fotovoltaici, proteggendo il sistema da cortocircuiti e monitorando il funzionamento complessivo dell’impianto.

La potenza nominale dell’inverter

Fin qui, dunque, abbiamo compreso le funzionalità degli inverter connessi alla rete.

Non tutti gli inverter, però, sono uguali, anzi: ogni tipologia di impianto fotovoltaico richiede un dispositivo diverso.

Il primo fattore da prendere in considerazione è quello della potenza di picco dell’impianto fotovoltaico al quale l’inverter verrà collegato: la potenza nominale dell’inverter perfetto è uguale o leggermente inferiore a questa cifra.

Il Maximum Power Point Tracker

Gli inverter attualmente sul mercato si contraddistinguono – rispetto a quelli prodotto alcuni anni fa – dalla presenza della funzione MPPT, ovvero del Maximum Power Point Tracker.

A che cosa serve questa innovazione?

Il suo scopo è quello di aumentare la performance complessiva di un impianto sfruttando nel migliore dei modi il punto di potenza massima dei pannelli fotovoltaici, che corrisponde a valori ottimali di corrente e di tensione. Va però sottolineato che il punto di massima potenza non è sempre uguale, e sta dunque qui la complessità e l’importanza della funzione MPPT.

L’inverter centralizzato

Esistono principalmente tre tipologie di inverter connessi alla rete da scegliere in base alle proprie esigenze.

Il primo è quello dell’inverter centralizzato, il quale da solo gestisce la totalità dell’impianto.

Tutte le stringhe (ovvero tutte le ‘linee’ di pannelli fotovoltaici installati) dunque, sono collegate in parallelo. Come si può immaginare, il ridotto numero di elementi richiesti e l’estrema semplicità dell’impianto risultante permette un costo totale limitato, nonché dei costi di manutenzione ridotti.

Tale soluzione ha però anche dei difetti, in quanto espone l’impianto a potenziali ombreggiamenti parziali che potrebbero andare a limitare le performance finali. Gli inverter connessi alla rete centralizzati sono quindi consigliati per gli impianti solari che permettono un installazione di pannelli uniforme in termini di inclinazione, di orientamento e di ombreggiamento.

Gli inverter di stringa e multistringa

Ci sono ovviamente degli inverter connessi alla rete più complessi del singolo inverter centralizzato. Nel caso degli inverter di stringa, come suggerisce il nome, ogni singola stringa è invece collegata ad un proprio inverter; ne risulta che, da un certo punto di vista, un impianto composto da 3 stringhe apparirà come un insieme di tre piccoli impianti autonomi, i quali possono avere delle rese maggiori, riducendo le perdite eccessive in caso di ombreggiamenti.

Tra queste due soluzioni si pongono gli inverter multistringa, i quali permettono di collegare due o tre stringhe a delle unità gestite da MPPT indipendenti, così da connettere insieme tutte le stringhe con condizioni simili di inclinazione, di orientamento e di potenza. Il tutto, poi, viene collegato ad un unico inverter centralizzato: ne risulta un impianto con alte prestazioni e costi di installazione ridotti.

 

Gli ottimizzatori di potenza SolarEdge®

L’ottimizzatore di potenza SolarEdge funge da convertitore CC/CC a ciascun modulo fotovoltaico, rendendo ottimale e performante la produzione di energia solare.

Gli ottimizzatori di potenza SolarEdge aumentano la produzione di energia prodotta dagli impianti fotovoltaici monitorando costantemente il punto di massima potenza (MPPT) di ogni singolo modulo.

Inoltre, gli ottimizzatori monitorano il funzionamento del singolo modulo fotovoltaico, comunicando direttamente con il portale proprietario SolarEdge, estrapolando direttamente i dati relativi le prestazioni e la manutenzione del singolo componente. Un grande passo in avanti per la gestione manutentiva tempestiva ed assistenza. (scopri l’assistenza tecnica Stone Pine)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top