skip to Main Content
Cessione Del Credito: La Rivoluzione Delle Detrazioni Fiscali Nel Fotovoltaico

Cessione del credito: la rivoluzione delle Detrazioni Fiscali nel fotovoltaico

Acquistare un impianto fotovoltaico con la Cessione del Credito

È la nuova modalità di fruizione degli sgravi fiscali proposto dal DL 10 cosiddetto Decreto Crescita – “Modifiche alla disciplina degli incentivi di efficientamento energetico e rischio sismico”, definiti anche Ecobonus e Sismabonus.

Da oggi è possibile richiedere uno sconto immediato del 50% sul preventivo chiavi in mano per la realizzazione di un impianto fotovoltaico residenziale.

Per usufruire dello sconto derivato dalla cessione del credito occorre rinunciare alle detrazioni fiscali del 50%  di cui si sarebbe beneficiato nei successivi 10 anni.

In questo modo il consumatore avrà la possibilità di usufruire subito dello sconto del 50% sull’importo totale preventivato, cedendo al fornitore le detrazioni fiscali distribuite nei successivi 10 anni.

 

I contribuenti devono comunicare il tutto all’Agenzia delle Entrate, con un modulo predisposto, inserendo i dati utili al fine dell’agevolazione:

  • Denominazione
  • Codice Fiscale del cedente
  • Tipologia di intervento effettuato
  • Ammontare spesa sostenuta
  • Ammontare credito cedibile
  • Anno Spesa
  • Dati Catastali
  • (altro ancora da specificare)

Il mancato invio della comunicazione rende totalmente inefficace la cessione del credito.

 

Detrazione Fiscale al 50%: è ancora possibile beneficiarne?

Per l’installazione di un impianto fotovoltaico (anche completo di sistema d’accumulo) si può tutt’ora usufruire della Detrazione IRPEF al 50%.

In questo caso, ogni acquirente ha diritto ad una riduzione delle imposte IRPEF in 10 quote annuali di importo costante.

Detrazioni e sconto dovuto alla cessione del credito sono misure alternative: il cliente può scegliere la forma con cui beneficiare degli incentivi fiscali.

 

Un esempio:

Mario acquista un impianto fotovoltaico ed un sistema d’accumulo per € 20.000  e richiede per le opere eseguite, la detrazione fiscale al 50%.

Il 50% di 20.000 sono 10.000, quindi Mario detrarrà € 1.000 dalle sue imposte IRPEF per 10 anni.

Le spese detraibili non possono superare i 96.000 € totali e la detrazione non può scaturire in un credito fiscale, se fosse stato superato l’ammontare delle tasse da pagare.

L’investimento energetico che Mario ha scelto di fare oltre ai benefici fiscali che avrà grazie alla detrazione del 50% della spesa effettuata, renderà la sua abitazione più efficiente e sicura.

 

Vuoi saperne di più sulla Cessione del Credito d’Imposta per impianti fotovoltaici?

Richiedi una consulenza senza impegno e diventa un pioniere dell’energia solare

 

Questo articolo ha 2 commenti
  1. E se Mario, poco dopo, perde il posto di lavoro (perchè l’Azienda dove lavora fallisce, chiude o si trsferisce) e Mario non ha più stipendio e IRPEF, cosa succede ????

    1. Buongiorno Gianni,
      Se il sig. Mario al momento dell’acquisto decide di cedere il suo credito all’azienda che gli ha installato l’impianto, beneficia istantaneamente di tutto lo sgravio fiscale (sotto forma di sconto in fattura).
      L’evento ipotizzato, secondo cui il sig. Mario perderà lavoro e reddito (successivamente all’acquisto con cessione del credito) non influenzerà in nessun modo il beneficio di cui ha già goduto.

      Se ipotizziamo il caso in cui il sig. Mario acquista l’impianto con le tradizionali detrazioni fiscali in 10 anni e successivamente perde il reddito, allora in questa eventualità perde anche le detrazione di cui non ha ancora beneficiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top