skip to Main Content
Decreto Rilancio: L’evoluzione Delle Detrazioni Fiscali, Dal Superbonus Del 110% Al Ritorno Della Cessione Del Credito

Decreto Rilancio: L’evoluzione delle Detrazioni Fiscali, dal Superbonus del 110% al ritorno della Cessione del Credito

Riqualificare la propria casa è diventata un’opportunità da non farsi scappare. Con il Decreto Rilancio finalmente approvato è possibile accedere alle detrazioni pari al 110%.

Come funziona e chi ne può usufruire?

L’Art 119 del Decreto Legge n.34, porta la Detrazione Fiscale al 110%, da ripartire in 5 quote annuali per gli aventi diritto e reintroduce, come alternativa, la Cessione del Credito al fornitore. Ecco tutti gli interventi che potranno accedere a questa opportunità.

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale in data 19 Maggio 2020, ma oramai sulla bocca di tutti da qualche settimana, il cosiddetto Decreto Rilancio e il Superbonus al 110% sono finalmente legge.

Gli interventi che potranno accedere al Superbonus del 110% sottoforma di Detrazione Fiscale o sconto in fattura sono i seguenti:

  • Isolamento termico delle superfici opache verticali ed orizzontali per oltre il 25%
  • Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti a pompa di calore, ibridi (per singole abitazioni)
  • Interventi nelle parti comuni degli edifici per sostituzione di impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione con prodotti pari alla classe energetica A, pompa di calore ed impianti ibridi (per condomini)

Questi tre macrointerventi attivano il Superbonus del 110%.

Quindi, facendo almeno uno degli interventi sopracitati si potranno avere le Detrazioni pari al 110% anche su Impianti fotovoltaici, sistemi d’accumulo, sistemi di ricarica per veicoli elettrici e per tutti quegli interventi che rientrano nell’Ecobonus.

Qualunque sia però la natura dei lavori impiantistici e/o edilizi che verranno effettuati e pagati nella finestra temporale dal 1 Luglio 2020 al 31 Dicembre 2021, è obbligatorio assicurare un miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio e dove ciò non fosse possibile, il conseguimento della classe più alta. Il tutto dovrà essere dimostrato mediante Attestato di Prestazione Energetiche (APE) dell’edificio pre e post interventi.

Non solo 110%, ma anche il ritorno della Cessione del Credito

Sembra oramai chiaro che non tutti potranno accedere a questa tipologia di Superbonus, ma niente panico!

Il Decreto Rilancio ha allargato il meccanismo della Cessione del Credito a tutti gli interventi di ristrutturazione e riqualifica energetica/strutturale.

Sarà quindi possibile richiedere uno sconto immediato sul preventivo chiavi in mano per la realizzazione di un impianto fotovoltaico residenziale, di un sistema di accumulo e di un sistemi di ricarica per veicoli elettrici.

Approfitta dell’ECOBONUS formato MAXI del 110% e dello sconto in fattura con Stone Pine

Questo articolo ha 2 commenti
  1. Ho usufruito della detrazione di 96000 euro su una ristrutturazione della mia villa. Posso attivare ecobonus per efficientemente energetico? Fotovoltaico pompa di calore e caldaia a condensazione. Con sconto in fattura. Grazie

    1. Ciao Biagio, l’ecobonus non fa cumulo con i 96.000. Se desideri maggiori informazioni, non esitare a contattarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top